Tuesday, June 4, 2013

CROSTATA AGRUMATA - Bio in Love...

Le preparazioni con prodotti naturali, di casa tua sono imbattibili. Questa crostata profuma di buono proprio perchè tutti hanno un pò contribuito alla sua realizzazione: le uova direttamente dal pollaio della mia coinquilina, la farina macinata dalla vicina pugliese, la marmellata rigorosamente biologica ed il resto sempre cercando di rispettare la salute e gli alimenti a km zero. Questo è possibile anche in una città come Roma, basta un pò di impegno. Troppe persone ormai popolano i bachi dei surgelati, abbindolati da tutte quelle buste colorate, gonfiate di aria e di chimici. Troppe persone se la prendono con il tempo, "mi manca il tempo", ma per me è un scusa bella e buona. Ho 28 anni e sin da piccola mi hanno insegnato a mangiar bene, a prendermi cura della mia alimentazione: non compro mai sughi pronti, minestroni in busta e tutto quel cibo "infiocchettato" dalle multinazionali, cibo che profuma di soldi oltre che di plastrica... I costi, anche questa è una scusa - bhe forse qui posso anche starci - più che scusa è un'alternativa che solo pochi prendono in considerazione. Non sempre biologico vuol dire costoso, è ovvio che se devo sfamare una famiglia di cinque persone non comprerò mai la pasta di mais o la farina di kamut, ma ogni tanto l'eccezione si può fare, almeno per coccolare se stessi! Già la città, con tutte le sue controindicazioni, ci fa abbastanza male; cerchiamo di non recarci ulteriori danni in maniera gratuita...

CE L'HO, CE L'HO, MI MANCA ...!

230g farina 00
150g burro
25g cacao amaro
50g zucchero a velo
50g zucchero mascobado
2 tuorli
1 barattolo marmellata di limoni Rigoni di Asiago
3 frollini al limone
1 punta di bicarbonato





A META' DEL LAVORO ...
Come ha detto una chef durante un mini corso per fare la frolla: "Mia nonna non aveva né tempo, né i mezzi per setacciare gli ingredienti, sminuzzarli e rifinirli. Una frolla deve essere lavorata con amore, basta poco". Detto questo detto tutto, l'unica accortezza - almeno secondo il mio modesto parere - è unire e lavorare gli ingredienti in rigorosa successione: versate prima la farina insieme al pizzico di bicarbonato, poi direttamente sopra il cacao, create uno spazio centrale ed aggiungere zucchero a velo, zucchero mascobado ed il burro morbido. Lavorate velocemente gli ingredienti centrali, quindi burro e zucchero. Unite i tuorli e continuate ad impastare fino ad ottenere una crema omogenea. A questo punto includete nell'impasto anche farina e cacao. Una volta ottenuta una pasta liscia, appiattitela tra due fogli di carta forno e fatela riposare dieci minuti in frigo. Trascorso il tempo necessario rivestite il vostro stampo ricordandovi di conservate un pò di impasto da sbriciolare sulla superfice della crostata. Bucherellate la frolla prima di versare il contenuto di un intero barattolo di marmellata; rifinite sbriciolando la frolla e i biscotti al limone. In forno a 180°, per 30/35 minuti.

CI SI DIVERTE MANGIANDO ...
Suggerimenti: ovviamente potete usare qualsiasi tipo di biscotto, soprattutto se avete qualche avanzo da far sparire. Se vi siete dimenticati di lasciare il burro fuori dal frigo c'è un piccolo trucchetto che vi farà risparmiare tempo: grattuggiatelo, o ricavate delle striscioline sottili con un pelapatate!!


Con questa ricetta partecipo al contest "Le ricette regionali reinterpretate"

10 comments:

  1. "Troppe persone ormai popolano i bachi dei surgelati,"
    Noooo i vermi surgelati nooooo! :P

    ReplyDelete
  2. Sembra davvero stuzzicante questa crostata, ottima ricetta!!

    ReplyDelete
  3. hai proprio raginone...la città ci fa già abbastanza male per non mettersi d'impegno e cercare di mangiare bene!!!La tua crostata è una gran delizia bio!!molto interessante!

    ReplyDelete
  4. è proprio vero che in una città basta un poco di impegno per cercare prodotti a km 0, io adoro le uova ancora "sporche"!Complimenti per la ricetta, le marmellate rigoni per me sono le migliori!

    ReplyDelete
  5. Concordo! e la torta la copio!
    a prest
    amelie

    ReplyDelete
  6. Bravissima, questa ricetta ha giusto quel quid in più!

    ReplyDelete
  7. ciao volevo invitarti al nostro nuovo contest:

    http://orodorienthe.blogspot.it/2013/05/spazio-alle-spezie-bbq-il-nuovo-contest.html

    ReplyDelete
  8. Concordo, concordo, concordo con lo spirito del post!

    Quindi posso avere una fetta di torta? *-*

    ReplyDelete
  9. Bellissima questa ricetta! Trovo molto bello il tuo blog, è per questo che ho deciso di citarlo nel mio post http://fragolaecannella.blogspot.it/2013/06/premio-dellamicizia-blogger.html.

    Spero ti faccia piacere!

    Nina

    ReplyDelete